menu

News

I traduttori e gli interpreti di domani: Marta Marchesi

posted in News by

A febbraio, amici di STUDIOTRE, vi abbiamo raccontato il sogno di Carlo Branchini, futuro traduttore laureato in Specialized Translation. Carlo, insieme a Roberta Cappiello è uno dei vincitori della borsa di studio promossa dall’Università di Bologna e che abbiamo finanziato per il nostro 40esimo compleanno.

Oggi vogliamo presentarvi la terza vincitrice del premio: Marta Marchesi.

Marta Marchesi | Futura interprete

Marta viene da un paesino della provincia di Bergamo, vicino al Lago di Iseo e si è laureata in Interpretazione nel 2019. La frase che porta nel cuore, e che è anche il suo motto nella vita quotidiana, è tratta da una poesia di Albert Camus: “Au milieu de l’hiver, j’ai découvert en moi un invincible été” (Nel bel mezzo dell’inverno ho scoperto che vi era in me un’invincibile estate).

Membro di PAP – Parola ai Professionisti (una rete di interpreti e traduttori freelance) di cui cura le pagine social, per completare la sua formazione nei mesi scorsi Marta ha seguito dei corsi sulla traduzione finanziaria e sul marketing online.

Perché hai scelto il corso di laurea in Interpretazione?

È stata una scelta graduale: ai tempi del liceo – scientifico a indirizzo linguistico – ho scoperto di avere una grande passione per le lingue straniere. Prima della maturità, grazie alla mia professoressa di inglese, sono andata all’Open Day della SSLMIT (Sezione di Studi in Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori) di Trieste ed è stato amore a prima vista: l’università e la città mi hanno letteralmente conquistata.

Frequentando la triennale mi sono appassionata sempre di più all’interpretazione… ed ora, eccomi qui!

Qual è il tuo sogno nel cassetto e come la borsa di studio di aiuterà a realizzarlo? 

Il mio sogno, quello con la S maiuscola, è lavorare come interprete per le Nazioni Unite. Durante le lezioni alla SSLMIT si svolgono spesso simulazioni di interpretariato presso i servizi pubblici o durante visite mediche. È nata così la mia aspirazione verso professione dell’interprete sociale meglio noto come interprete di comunità – una professione caratterizzata da un forte impegno sociale.

Desidero mettere le mie competenze al servizio della comunità e, grazie alla borsa di studio, vorrei continuare studiare all’estero, proprio come ho fatto durante tutto il mio percorso di formazione. Se dovessi pensare a come sarò tra 5 anni, mi immagino una Marta consapevole delle proprie capacità, dei suoi obiettivi… e con una valigia in mano!

16 Mar, 20