menu

News

Ma è davvero difficile parlare un’altra lingua?

posted in Senza categoria by

Quante volte ci è capitato di sentire o esclamare: “questa lingua è proprio difficile!”

Secondo Giorgio Graffi e Sergio Scalise (Le lingue e il linguaggio. Introduzione alla linguistica, 2013), non sarebbe possibile, in un’ottica prettamente linguistica, stilare una classifica delle lingue più difficili del mondo dal momento che tale parametro presupporrebbe l’esistenza di un parlante modello che non abbia imparato nessuna lingua o che ne condivida solo una, sin dalla nascita, con tutto il resto del mondo.

In realtà i linguisti ci spiegano che non esistono lingue più facili o più difficili. Se osservate dall’esterno, tutte le lingue del mondo (che sono circa 6000) hanno lo stesso grado di difficoltà ma cambiano, sicuramente, le conoscenze individuali.

Ci può sembrare che lo spagnolo sia più facile del tedesco soltanto perché il nostro punto di partenza è la lingua italiana. Percepiamo lo spagnolo come più facile in quanto appartenente anch’esso alla famiglia delle lingue romanze mentre il tedesco, che fa parte di una famiglia linguistica diversa dalla nostra, è percepito come più complesso. Per un cinese, la cui lingua rientra nella famiglia delle sinotibetane, tanto lo spagnolo quanto il tedesco saranno considerati ugualmente difficili.

Certo, durante l’apprendimento di una lingua straniera spesso incidono anche una serie di fattori personali (capacità di comprensione, motivazione, impegno, tempo a disposizione); da un punto di vista scientifico, tuttavia, non esistono diversità.

07 Lug, 16