menu

News

Quando la moda diventa phygital, il consulente linguistico è al suo fianco!

posted in News by

Phygital è una “parola macedonia” che ultimamente sentiamo nominare spesso. Nata dalla fusione di physical e digital, viene utilizzata per definire le strategie e gli eventi che, soprattutto post Covid, vengono svolti in una modalità ibrida che unisce l’esperienza digitale a quella fisica.

Milano, capitale della moda italiana, quest’anno ha sperimentato la sua prima Fashion Week phygital: 159 appuntamenti in calendario tra sfilate e presentazioni di cui 65 saranno digitali. Prada, Missoni, Armani e Moschino sono solo alcuni dei grandi brand che proveranno questa nuova modalità.

Quali sono gli strumenti necessari per le aziende del fashion che vogliono entrare nel mondo phygital?


E-commerce e showroom virtuali

Per creare un’esperienza phygital che raggiunga gli utenti in ogni parte del mondo, i brand della moda possono sperimentare diverse soluzioni, come ad esempio:

  • E-commerce con personal shopper: non solo schede prodotto interattive o 3D, ma un assistente in carne e ossa che, in video chiamata da remoto, parla la lingua del cliente e lo consiglia su quali vestiti acquistare e quali accessori abbinare.
  • Showroom virtuali: passerelle per presentare le nuove collezioni e sale riunioni in cui fare networking e gestire ordini in tempo reale, tutto racchiuso in un’unica applicazione. Uno spazio architettonico digitale che permette a stilisti, designer, produttori di tessuti e di accessori provenienti da tutto il mondo di incontrarsi lavorando in un’ottica di sostenibilità, senza doversi preoccupare dei costi di trasferta.

Il consulente linguistico per la moda phygital

Cosa può fare il consulente linguistico per supportare i brand della moda che vogliono sperimentare questa nuova modalità per entrare in contatto con i propri clienti e partner?

Traduzioni per e-commerce

All’interno di un e-commerce è fondamentale localizzare le schede prodotto, le pagine istituzionali e le condizioni generali di vendita. Tutti i contenuti devono essere tradotti e declinati in base alla cultura e ai comportamenti di acquisto del target di ciascun mercato di riferimento.
Testi descrittivi, valute, prezzi, tasse e misure devono essere trasportati, a livello linguistico, da un mercato all’altro senza dimenticare il posizionamento sui motori di ricerca e, quindi, la traduzione in ottica SEO delle keyword e dei metatag.


Interpreti da remoto e in presenza

Le sfilate sono uno dei luoghi della moda in cui si fa networking con clienti e partner internazionali; questo accade sia nel mondo analogico, sia negli showroom virtuali.
Per gestire le trattative commerciali in modo efficace è importante:

  • individuare gli interpreti madrelingua specializzati nel settore fashion e nella tecnica di interpretazione adeguata,
  • curare tutti gli aspetti legati alla cultura e alla metacomunicazione,
  • e, nel caso in cui gli incontri si svolgono da remoto, scegliere la piattaforma che meglio risponde alle esigenze dei diversi interlocutori.


Sei un’azienda del settore moda che vuole sperimentare il phygital e vuole assicurarsi che la strategia linguistica sia coerente con gli obiettivi di marketing? Chiamaci (0522/323434) o inviaci una mail ([email protected]) per scoprire cosa può fare STUDIOTRE per supportarti!

22 Set, 20